Immersione ad Aboboabidjan

CGP 2009
JPEG - 383.6 ko
Makoto, Patrizia, Mayi

Nello scorso fine settimana abbiamo vissuto l’esperienza di Immersione, disseminate in un raggio di 400 km. nelle diverse comunità religiose locali e internazionali che avevano dato la disponibilità ad accoglierci,
e poter così incontrare le realtà ecclesiali e sociali nelle quali queste stesse comunità lavorano.
Io e sr. Makoto siamo state ospitate dalle suore Xavières, nel quartiere popolare di Abobo, a circa 45’ di auto dalla nostra Casa.

La comunità, composta da 3 sr. francesi e da 1 ivoriana, condivide la vita della gente e le loro condizioni precarie, certo con un minimo di protezione perché la Casa possa essere accogliente per le attività.

Arriviamo da loro con uno degli innumerevoli taxi cittadini, dopo aver patteggiato il prezzo che rischiava di essere troppo alto se non fosse stato per sr. Marie Claire (ra. Niger) che ci aveva chiesto di nasconderci mentre lei prendeva accordi !

Ad aspettarci c’è Marie Hélène, superiora della comunità atterrata nel quartiere da tre sole settimane, che ci fa dapprima visitare il bel centro di formazione missionaria nato dalla collaborazione tra diverse famiglie religiose e poi passando dalla proprietà dei Padri Bianchi ci fa percorrere la strada che porta dalle suore : passiamo da uno spazio curato e bello allo stridore della povertà !
Mi colpisce il numero dei bambini per strada, alcuni che conoscono le suore, si offrono per portare il nostro bagagli, le donne si danno da fare vendendo un po’ di frutta, qualche dolce, ci sono anche dei veri e propri negozi ... ; camminando ci impolveriamo, passiamo vicino a canali di scarico a cielo aperto...
Ciò che i miei occhi vedono di brutto e di molto bello, gli odori che sento ... mi entrano dentro !
La mattina seguente, mentre Makoto partecipa insieme a due suore della comunità all’incontro di tutti i religiosi con il Vescovo, io accolgo l’invito di sr. Christine di unirmi a lei per la biblioteca di strada offerta ai bambini del quartiere due volte alla settimana ; stendiamo le due stuoie appena fuori dal cancello di casa, apriamo la cesta con i libri, portiamo un secchio perché i bimbi possano lavarsi le mani prima di prendere un libro... e come uno sciame di api attirate dai fiori, i bambini si avvicinano incuriositi ; come animatore c’è Lazare un saggio e entusiasta maestro in pensione che cattura con maestria la loro attenzione.

JPEG - 390.2 ko
Immersione ad Aboboabidjan

I bambini sono subito molto affettuosi e fisici... mi sento studiata e scoperta dai loro occhi e dalle loro mani, in minoranza, eppure così certa di essere impastata della stessa umanità ! Sono gli stessi bambini che la mattina seguente mi prenderanno per mano portandomi a visitare i loro luoghi e le loro famiglie : ovunque le persone mi accolgono con un po’ di stupore, il sorriso e parole di benvenuto.
Un altro momento intenso è stato l’incontro di sabato pomeriggio con gli Adolescenti del club della pace : presentazioni reciproche con saluti nelle varie lingue, alcuni canti animati e condivisione del loro sogno di essere cittadini del villaggio della pace ; alcuni di loro si esibiscono con la loro bella capacità narrativa nella recitazione di poemi sul tema !
E’ stato bello anche partecipare ad un incontro in famiglia, di una piccola comunità di base ; clima accogliente, semplice e concretezza nel cogliere la diretta applicazione dell’amore per il prossimo : “nel nostro quartiere manca l’acqua... dobbiamo osare ridirlo ancora al Comune anche se non siamo stati ascoltati !”

Mi ha colpito la testimonianza delle suore, la loro inserzione vicina alla gente, la loro attenzione ai problemi di ingiustizia e di emarginazione perché la gente non resti passiva ma possa credere nelle proprie risorse.
E’ bello sentire che in questi luoghi di grande povertà la collaborazione tra famiglie religiose è un’esperienza preziosa.
Sento che questa esperienza di immersione mi lavora e mi interpella, personalmente e per il nostro stile di vita in comunità e nella missione.

Sr Patrizia Maria
Italia

Dans la même rubrique


Ajouter un commentaire



Informations légales

Ce site est édité par "Religieuses de l’Assomption" :

Ecusson
  • Religieuses de l’Assomption - 17, rue de l’Assomption 75016 Paris - France
  • Tél +33 (0) 1 46 47 84 56
  • Fax + 33 (0) 1 46 47 21 13

S'inscrire à l'info-lettre